pendik escort porno hikayeleri

OPERA NOVA 2017-Fammi udire la tua voce - Teatro Caio Melisso - Spoleto (Pg) 8-9-10 Settembre 2017

OPERA NOVA 2017-Fammi udire la tua voce - Teatro Caio Melisso - Spoleto (Pg) 8-9-10 Settembre 2017
Seleziona data e/o settore
Disponibilità: Disponibile

Opzioni Disponibili

* Settori:

* Data:

La numerazione del posto verrà assegnata automaticamente secondo il criterio del posto migliore disponibile al momento dell'ordine.

Inserisci numero biglietti:
Acquista

 

Progetto OPERA NOVA© 2017

FAMMI UDIRE LA TUA VOCE

Azioni liriche liberamente tratte dal Cantico dei Cantici

Testo e Musica di Adriano Guarnieri

Direttore Marco Angius

Regia Federico Grazzini

Coreografia Pieradolfo Maria Ciulli

Scene e costumi Andrea Stanisci

Light designer Alessandro Carletti

Opera commissionata dal Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto

Prima esecuzione

Al Teatro Caio Melisso nei giorni 8 settembre ore 20.30, 9 settembre ore 20.30 e 10 settembre ore 17.00, andrà in scena in prima esecuzione assoluta la nuova opera di Adriano Guarnieri (http://www.adrianoguarnieri.it/) Fammi udire la tua voce azioni liriche per voci ed ensemble su testo liberamente tratto dallo stesso Guarnieri dal Cantico dei Cantici. Tra i maggiori compositori italiani del nostro tempo, Adriano Guarnieri festeggerà i suoi 70 anni a Spoleto offrendo la prima esecuzione assoluta al Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto (oltre che aver donato anche la partitura autografa all’Archivio storico dell’Istituzione lirica umbra). “Queste azioni liriche sono state suscitate in me dal fascino subìto dalla lettura del Cantico dei Cantici” sostiene Guarnieri e prosegue “la sensualità amorosa che è espressa nel testo è sublimata ed elevata a....canto dell’anima...rivolto verso un...tutto immenso…comprendente: sessualità, affettività, erotismo, sentimentalità, tenerezza, e dolcezza. Da ciò ne ho tradotto un sinuoso lirismo musicale, vocale e strumentale, quale espressione di una affettività insita nel cantico, ma oggi con struggenza, quasi del tutto mancante e perduta dall’individuo contemporaneo. Un immenso vuoto esistenziale”.

Un lavoro estremamente interessante e intenso quello di Guarnieri che il direttore Marco Angius (http://www.marcoangius.it/), reduce dal successo della ripresa di Prometeo di Luigi Nono a Parma, dovrà interpretare insieme al regista Federico Grazzini   http://www.stagedoor.it/it/Artist/Federico%20Grazzini/Regista/W/Biography/) ,  a breve impegnato al Teatro dell’Opera di Roma per la ripresa del Nabucco di Giuseppe Verdi alle Terme di Caracalla. Grazzini si avvarrà del coreografo Pieradolfo Ciulli e da Alessandro Carletti per le luci. Per il regista Grazzini “L’azione drammatica, la danza, la musica e il testo poetico nell’opera di Guarnieri costituiscono un’esperienza unica ed avvolgente per lo spettatore che diventa testimone della tensione erotica e drammatica che lega i personaggi. La musica si fonde con il teatro e la danza in un’esperienza collettiva al cui centro si trova la sacralità delle relazioni e dell’amore”. Il direttore Angius sintetizza invece cosi l’opera di Guarnieri "Le azioni liriche di Guarnieri, ovvero la novità assoluta dello Sperimentale di Spoleto, tentano di dare una risposta al dilemma in cui è presa da sempre la musica d'oggi: essere coerente con l'assunto della propria natura di ricerca e indagine su linguaggi inauditi, da un lato, e mantenere un contatto con l'interlocutore cioè il pubblico e la storia dall'altro. La grande sfida della creatività contemporanea trova il suo terreno elettivo nel teatro e nelle frontiere sempre aperte della sua drammaturgia musicale. L'argomento biblico offre senza dubbio un terreno molto stimolante per un compositore d'oggi: non è tuttavia entro l'orizzonte significante di un testo che si gioca la sfida compositiva quanto piuttosto nelle implicazioni rappresentative espresse dall'esplorazione senza tregua dei confini del suono in cui è condotto lo spettatore: al vortice inesorabile della scrittura di Guarnieri, che spinge tutti gli interpreti sulla soglia umana dell'eseguibilità sostenibile, si affianca dunque un aspetto più visionario e ineffabile, quello dell'invenzione musicale attuale e attuabile, calibrata nel minimo dettaglio e nello stesso tempo liberata dal gesto sonoro più estremo. Dopo anni di tragedie e condanne all'ascolto ecco giungere l'idea di un nuovo sacrificio: quello che eleva l'ascolto inquinato del presente a dimensione catartica collettiva "Uno spettacolo che per l’originalità è senz’altro da non perdere.

Il celebre artista Mimmo Jodice ha gentilmente concesso l’immagine per il poster dello spettacolo unendosi al folto gruppo di altrettanto celebri artisti che negli anni hanno realizzato poster per lo Sperimentale quali Emanuele Luzzati, Arnaldo Pomodoro, Toti Scialoja, Pietro Consagra, Francesco Clemente, Ruggero Savinio.

Ad interpretare le voci dei quattro amanti Annalisa Ferrarini, Federica Livi, Alec Avedissian e Marco Rencinai accompagnati dall’Ensemble strumentale del Teatro Lirico Sperimentale

Tags:
Prenotazione in corso...
Hai ancora minuti per completare l'acquisto. Allo scadere del tempo, i posti da te selezionati verranno di nuovo resi pubblici. Vai al carrello